Sono ormai diversi mesi che mi ripropongo di recensire Il nostro piccolo sole, il libro di Margherita Vetrano.

Abbiamo presentato Il nostro piccolo sole lo scorso 16 gennaio a Macerata, alla Bottega del Libro, insieme all’autrice e alla giornalista Alessandra Pierini.

Oggi, finalmente, riesco a trovare la giusta concentrazione per ritornare a ripercorrere con la memoria le pagine di questo racconto, davvero significativo.

Margherita Vetrano è una mamma di tre bimbi.

L’ultimo è nato molto prima del termine della gestazione, ai limiti attuali delle possibilità di sopravvivenza al di fuori dell’utero materno:

Edoardo è nato a sole 23 settimane.

il nostro piccolo sole

Un messaggio di speranza

Da questa vicenda incredibile è nato “Il nostro piccolo sole”, che ormai da tempo sta raggiungendo tutta Italia col suo messaggio di speranza, di coraggio e di tenacia.

Con una prosa fluente e coinvolgente, il libro ripercorre i terribili giorni prima del parto e i 5 mesi trascorsi in TIN.

L’intento è stato quello di fermare i ricordi di un periodo assolutamente incredibile  ma anche di condividere la storia.

Il racconto può essere infatti utile ai genitori che hanno vissuto o stanno vivendo una simile situazione, facendoli sentire meno soli e dandogli una nuova luce.

Si tratta di un diario, nel quale ogni parola è stata vergata con tutta l’emozione di una madre che ha lottato fianco a fianco della sua creatura più piccola, con caparbietà ai limiti dell’utopico.

E’ anche un racconto felice, nel quale ci accorgiamo dell’importanza dei progressi della scienza e della medicina, perché questo lieto fine, solo dieci anni fa non sarebbe stato possibile.

Consiglio la lettura a tutti i genitori.

Non è necessario aver vissuto un’esperienza di parto pretermine per ricevere un grande regalo: la vicenda di Margherita è l’amore materno che tutti conosciamo, che abbiamo ricevuto e che doniamo ogni giorno.

Un libro che arricchisce il cuore e ci aiuta a guardare il mondo con occhi diversi.

Edoardo nasce a 23 settimane in condizioni disperate, accettando insieme ai medici la prima grande sfida della sua vita: la sopravvivenza. 

I cinque mesi di attesa e notti insonni vengono descritti dalla madre attraverso il suo sguardo disarmato e disarmante nei confronti di una nuova realtà in cui viene catapultata insieme al marito e ai due figlioletti più grandi.

Un diario, diretto e senza filtri, dedicato ai bimbi che non sono sopravvissuti alla T.I.N.”

Il nostro piccolo sole. 5 mesi in TIN. Diario di una mamma, Margherita Vetrano, Il Mio Libro, 2015.

E’ possibile acquistarlo on line e in libreria.